I romanzi sul mondo magico che esistevano fianco a fianco con il nostro non porta affatto i lettori dalla realtà. Al contrario, aiutano a combattere pregiudizi e stereotipi.

Il successo dei romanzi di Harry Potter si trova in una straordinaria combinazione di un’atmosfera fantastica e realtà del mondo moderno. I suoi eroi sono maghi, ma allo stesso tempo – adolescenti che crescono, si innamorano e si cercano. Allo stesso tempo, il male che affrontano non è

https://sildenafilonlinesicuro.com

così astratto. Il principale antagonista della serie-The Dark Wizard di Voran de Morte-Seeks per “cancellare” il mondo magico dai maghi imprigiosi. La stessa Joan Rowling ha ammesso ripetutamente in un’intervista che questa immagine è un’allusione a Hitler e ai nazisti. E recentemente, gli studi hanno dimostrato: gli ideali del mondo magico possono renderci più gentili e più equi*.

Nel primo studio, 34 scolari italiani hanno studiato libri su Harry Potter per sei settimane, e poi ha letto gli estratti del libro ad alta voce e hanno discusso di letti alle lezioni extracurriculari. Coloro che si sono identificati con il personaggio principale hanno iniziato a trattare meglio i migranti.

Al secondo studio hanno frequentato 117 studenti delle scuole superiori in Italia. Quelli di loro che hanno considerato Harry Potter un modello di ruolo ha anche mostrato tolleranza contro gli omosessuali e i movimenti LGBT in generale.

Il terzo studio è stato condotto tra gli studenti della Gran Bretagna. I suoi risultati hanno mostrato approssimativamente lo stesso quadro: coloro che si contraono come volan de morta appartenevano tolleranti anche ai migranti e ai rappresentanti di altre colture.

Allo stesso tempo, in ogni caso, la discussione sui libri con colleghi e insegnanti ha svolto un ruolo importante. Gli alunni dovevano leggere libri consapevolmente che l’allegoria divenne chiara, enfatizzarono gli psicologi che conducevano ricerche. Secondo loro, i campioni letterari portano un grande potenziale per l’educazione morale, ma è necessario che i bambini capiscano correttamente ciò che l’autore voleva dire.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *